Paolini-Cristicchi nei luoghi I Guerra

"Togliere la retorica alla celebrazione della guerra, raccontarla come esperienza di uomini. Questo ha senso, per questo ci si mette insieme, si canta, si attraversano i luoghi, si cercano le parole partendo da maestri come Mario Rigoni Stern". Così Marco Paolini descrive l'evento che lo vedrà protagonista sabato 28 e domenica 29 luglio con Simone Cristicchi a Cima Tomba, luogo simbolo della Grande Guerra sulle Prealpi bellunesi, per portare in scena "Senza vincitori né vinti", testo scritto a quattro mani da Francesco Niccolini e Mario Rigoni Stern. Nell'ambito del Festival "Vacanze dell'Anima", i due narratori, insieme per la prima volta, a dieci anni dalla morte del "Sergente" e nel centenario della Prima Guerra Mondiale, racconteranno senza quell'enfasi retorica, figlia della propaganda, che caratterizzava il racconto del conflitto. "Senza vincitori né Vinti" è composta di parole e musica, con le partiture originali di Alessandro Grego, interpretate dal Coro Valcavasia e da un quintetto di musicisti diretti dal maestro Filippo Faes. Nel dialogo fra un soldato e un giovane militare, liberamente ispirato al romanzo Storia di Tönle, emerge l'omaggio ai milioni di giovani massacrati per difendere un confine. (ANSA).

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Padova News
  2. Padova News
  3. Padova News
  4. Padova News
  5. Padova News

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Galliera Veneta

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...